Blog

Scorpione, la Rigenerazione

~ Nishimura ~

Onoriamo la Grande Madre,
che da sempre e per sempre
dona la Vita e accompagna nella Morte

Il 24 ottobre il Sole entra nel segno dello Scorpione, il momento in cui l’energia dell’Autunno è al suo culmine, gli alberi perdono le foglie e i semi sono affidati alla Terra, confidando nel raccolto che verrà.

Sono i giorni in cui la luce si riduce sempre di più, giorni nei quali siamo chiamati al silenzio, all’ascolto, all’introversione, alla meditazione.

Sono i giorni nei quali le porte tra i Mondi si aprono e noi ricordiamo e onoriamo gli Antenati.

In questo momento dell’anno possiamo incontrare l’Ombra (le nostre paure, il nostro passato familiare e karmico), e affidarla alla Terra, fiduciosi che diventerà l’humus che ci permetterà di nutrire il seme che vedrà la luce in Primavera.
Lo Scorpione incarna il momento di lasciar andare tutto ciò che è giunto alla fine del suo ciclo vitale, in noi stessi e intorno a noi.

Infatti, nelle antiche civiltà, questo segno era rappresentato dal Serpente, che nel suo cambiare pelle rappresenta la trasformazione, e dall’Aquila, la possibilità di elevarci dopo aver incontrato e accolto l’Ombra.

Lo Scorpione rappresenta l’energia legata alla Morte indissolubilmente connessa alla Vita, nella trasformazione continua, nella metamorfosi delle forme, nel passare da uno stato all’altro.
È la potenza della Vita che si rinnova in ogni istante.

Lo Scorpione è rappresentato da Marte, Divinità che incarna il coraggio del guerriero, e da Plutone, Divinità del Mondo Sotterraneo.

Ci vuole coraggio per scendere a contattare la nostra parte d’ombra, ma è lì che troviamo il tesoro che Plutone custodisce per noi: i talenti, le qualità che possiamo condividere, la gioia di vivere.

Nelle società matriarcali, i riti di iniziazione ci permettevano di scendere volontariamente nel Mondo sotterraneo.
E Plutone è solo la trasposizione patriarcale della Grande Madre, che dona la Vita e accompagna nella Morte.

Secondo un antichissimo mito del popolo dei Sumeri, ad esempio, Ishtar regina del Cielo e della Terra scende agli Inferi per incontrare la sorella Ereskigal.
Solo attraverso il sacrificio dei beni materiali e della sua stessa vita Ishtar rinasce alla vera Saggezza.

Ricordiamo che la parola sacrificio significa rendere sacro attraverso i riti per propiziare la fertilità della Terra e del grembo delle donne. 

In questo momento dell’anno siamo chiamati al sacrificio di parti di noi che non ci appartengono più: un dolore, un’emozione, una situazione.
Onoriamo e lasciamo andare ciò che ha finito il suo ciclo, lo affidiamo alla Grande Madre che se ne prenderà cura.

Questo è il seme da cui sorgerà nuova Vita.

Domani, continuerò a essere,
ma dovrai essere molto attento per vedermi.
Sarò un fiore o una foglia.
Sarò in quelle forme e ti manderò un saluto.
Se sarai consapevole,
mi riconoscerai, e potrai sorridere.
Io ne sarò molto felice.
Thich Nhat Hanh


2020, Capricorno ~ Cancro

L’anno 2020 rappresenta un momento di particolare importanza nel nostro cammino di consapevolezza riguardo alle fedeltà familiari che spesso ci inducono a ripetere in modo inconsapevole le storie dolorose e i fallimenti vissuti dalla nostra famiglia.

Si tratta di un processo che è iniziato negli anni Settanta e che ha trovato il suo riflesso nel Cielo con la scoperta di Chirone il 1° novembre 1977.

Nella prima parte del prossimo anno troviamo Plutone, Saturno e Giove in Capricorno, segno che rappresenta la struttura, la legge del Padre, la fedeltà alla tradizione familiare, il karma.

E qui troviamo anche il Nodo Sud, che rinforza tutto ciò che appartiene al passato familiare e karmico.

I Nodi Lunari, che sono uno degli elementi che raccontano del nostro passato familiare e karmico, in questi anni sono tra Cancro (Nodo Nord) e Capricorno (Nodo Sud).
Quindi, ci parlano delle fondamenta sulle quali si fonda la nostra vita (Nodo Sud in Capricorno) e ci connettono con i nostri bisogni emotivi, con il nostro nutrimento, con ciò che rende fertile la nostra vita (Nodo Nord in Cancro).

In questo momento così potente, possiamo sentire  quanto la nostra vita personale sia profondamente intessuta con la vita dei nostri antenati, dei nostri genitori e di tutto l’albero genealogico. E naturalmente con la vita delle generazioni future.

Come dice il maestro zen Thich Nhat Han
Everything we think, we feel and we do has an effect on our ancestors
and on all future generations and reverberates throughout the universe.
(Quel che pensiamo, sentiamo e agiamo ha un effetto sui nostri antenati
e sulle future generazioni e si risuona attraverso l’Universo)

La fedeltà verso noi stessi e ai nostri bisogni, esaltata dall’energia del Cancro e della Luna, è la chiave per la trasformazione, per diventare davvero responsabili delle nostre scelte e della nostra esistenza.
E questo nutre la gratitudine che sorge quando ci rendiamo conto di essere una parte creativa e originale del grande albero familiare, con la sua luce e la sua ombra.

Nel 2020 e in modo particolare durante la prima Luna Piena del 10 gennaio, l’energia del Capricorno (Nodo sud, Saturno e Plutone) ci permetterà di entrare in contatto con le memorie familiari e karmiche, di riconoscerle e di trovare la via per trasformarle in luce, in risorse per aprirci al progetto originale della nostra Anima.

L’energia del Cancro (Nodo Nord, la via che indica la trasformazione) ci riconnette alla Luna, alla qualità dell’Anima capace accogliere e nutrire il bambino interiore, spesso ferito e non riconosciuto, ora capace di attingere alla forza antica del Capricorno per assumersi la responsabilità della propria vita.

In questo processo profondo, che coinvolge tutti noi, siamo sostenuti da Pianeti connessi con le vicende trans-generazionali.
Infatti la Luna Nera e Chirone sono nel segno dell’Ariete e ci donano quell’energia guerriera, indipendente e vitale che alimenta il cammino evolutivo di nuova nascita e rinnovamento.

E l’energia di Nettuno nei Pesci in questi anni ci permette di attraversare questo profondo rinnovamento con un cuore saggio, gentile e compassionevole. Un cuore capace di ri-conoscere il passato familiare e karmico, di accogliere il dolore come parte del cammino dell’essere umano sulla terra e di trasformare questo dolore in Saggezza e Compassione.
Per approfondire, Astri e Meditazione.

Le nostre radici sono immerse nella Luce e nella Gioia,
se siamo consapevoli del nostro passato
e guardiamo ai nostri Antenati
con Gentilezza Amorevole.

Chirone

Chirone ci dona la Conoscenza intesa come possibilità di decifrare il senso del nostro cammino sulla Terra.

Svelando il nostro passato familiare e karmico, infatti, ci riconnette alle nostre radici, nel loro aspetto d’ombra e di luce, di sofferenza e di talenti. Solo dalla consapevolezza di chi siamo e qual è il nostro passato, possiamo trovare una via di guarigione.

Già la data della sua scoperta è un potente segno di sincronicità. Infatti è stato scoperto il 1 novembre 1977 mentre transitava nel segno del Toro. 
È il giorno in cui celebriamo Tutti i Santi e ricordiamo i nostri antenati. Come vedremo, la storia del centauro Chirone è il puro rispecchiamento di chi, allontanato da chi l’ha procreato, escluso e messo ai margini dalla sua stirpe, trova una guida, un padre elettivo, che gli infonde la sua saggezza e gli fa trovare il suo posto e la sua missione nel mondo.

Chirone è un asteroide, o forse una cometa, che è stato scoperto il 1 novembre 1977, mentre era nel segno del Toro, fatto questo che rinforza il suo valore simbolico di Saggio Guaritore catturato dal sistema solare con il compito di portare guarigione alla Terra e ai suoi abitanti.

La sua stessa orbita è posta tra Saturno, che rappresenta il passato nella fedeltà inconscia a memorie familiari, e Urano, che rappresenta l’originalità, libertà, verità, e quindi il futuro.
In questo suo essere sulla soglia tra passato e futuro, Chirone rappresenta la possibilità di riconoscere gli schemi del nostro passato e ci suggerisce la via per rielaborarlo in un cammino unico e originale.
Questa è la guarigione che Chirone ci porta.

Chirone compie la sua rotazione intorno al Sole in 51 anni circa e il suo movimento erratico dovuto alle perturbazioni causate da Saturno e Urano lo definiscono come un ribelle solitario che sfugge alle classificazioni.
Ha un diametro di circa 148-208 km, e ancora non si è capito se si tratta di una cometa, di un asteroide o di un pianetino catturato dal nostro sistema solare.
E’ possibile calcolarne la posizione solo dal 1500 A.C. al 4000 D.C.: è forse per questo che è stato definito il Messaggero delle Galassie che, una volta esaurito il suo compito, lascerà il nostro sistema solare?

Nella mitologia Chirone è saggio e guaritore e solo alla fine della sua esistenza viene ferito, rappresentando quindi ciò che viviamo come un’ingiustizia: la parte di noi che è profondamente, mortalmente ferita ‘ingiustamente’… semplicemente perché non ne vediamo la sorgente, la causa.

Chirone può darci la chiave
per accedere a questo segreto:
la natura di questa ferita, a quale ramo della famiglia
e a quali antenati appartiene.

Ed è interessante che Chirone, il Centauro, abbia una connessione profonda con gli ultimi segni, a partire dallo Scorpione (il segreto), per trovare casa in Sagittario, fino ai Pesci.

La ferita è tutto ciò che non vediamo, il segreto, ciò che è nascosto nella nostra memoria familiare e karmica. Questo segreto nascosto nel buio, connesso con lo Scorpione, genera depressione, mancanza di energia vitale.

Se sveliamo il segreto e gli diamo vita attraverso i simboli, Chirone rimette in moto spontaneamente energie di guarigione attraverso immagini, movimento, creatività (il tesoro che troviamo nelle profondità).
Nel dare senso, la visione si apre (Sagittario) e la vita prende una nuova direzione.

La freccia è puntata verso il Cielo, ma è ben salda tra le mani del Centauro (che racchiude le tre nature: umano, divino e animale).

Storia di Chirone

Apollo il Sole è il suo Maestro e rappresenta la Luce della Vita che illumina e porta consapevolezza alle qualità di Chirone.
È un essere ai margini fin dall’inizio: figlio di inganno e stupro, non riconosciuto e rifiutato dalla madre, non riconosciuto dalla stirpe dei Centauri, rozzi, violenti, istintuali.

Diventa allievo di Apollo che gli insegna la musica, l’arte della cura con le erbe, l’astrologia, l’astronomia, l’arte della caccia e della guerra. E queste sono le conoscenze che trasmette ai suoi discepoli (tra loro gli eroi Ercole, Achille, Teseo, Giasone).

Si rivela quindi un essere saggio, compassionevole, che vive solitario, ai margini, in una grotta dove accoglie i suoi discepoli.
È lo Sciamano che attiva le forze di guarigione in chi manifesta disagio fisico e psichico: Corpo~Mente sono un’unica realtà, che cura attraverso le erbe, l’Astrologia, i sogni.

Una freccia avvelenata nel sangue dell’Idra – Scorpione – è la causa della sua sofferenza senza fine. Quando si offre in cambio di Prometeo, Zeus si commuove e lo fa salire al Cielo nella costellazione del Sagittario.

Chirone ci indica la via, è il Maestro
che ci sostiene nello scoprire in noi stessi
le risorse per la guarigione.

Riconoscere e accogliere la ferita trans-generazionale
ci rende guaritori di noi stessi, della nostra stirpe
e della nostra discendenza.


Riconoscere e accogliere la ferita trans-generazionale
ci rende guaritori di noi stessi, della nostra stirpe
e della nostra discendenza.


AstroGenealogia, Karma e Albero Genealogico

Everything we think, we feel and we do
has an effect on our ancestors
and on all future generations
and reverberates throughout the universe.
Thich Nhat Han

Tutto ciò che pensiamo, sentiamo e facciamo
ha un effetto sui nostri antenati e sulle future generazioni
e si riverbera attraverso l’Universo.

AstroGenealogia utilizza i simboli dell’Astrologia per darci indicazioni preziose riguardo alla storia della nostra famiglia e dei nostri Antenati, al progetto della nostra Anima, alla vita prenatale, alla nascita e ai primi anni di vita.

Svelare queste storie, riconoscere queste energie ci aiuta a trovare la via per trasformare le fedeltà familiari inconsce in fedeltà verso noi stessi e le nostre potenzialità.

L’AstroGenealogia ci aiuta a portare luce al passato familiare, per vedere la connessione che esiste tra noi e la famiglia che abbiamo scelto, con la quale risuoniamo per via del nostro bagaglio karmico.
In effetti, c’è una corrispondenza a livello simbolico tra il bagaglio di talenti e sofferenze che portiamo in questa vita e la storia del nostro albero genealogico.

Attraverso i simboli astrologici portiamo alla luce aspetti nascosti del nostro passato karmico e familiare, e le potenzialità di guarigione e trasformazione insite in noi.

Chirone, asteroide o cometa, scoperto nel 1977 è la chiave per svelare la ferita e le potenzialità di guarigione insite in ognuno di noi.

Il tempo non è lineare.
Procediamo nel cammino attraverso un movimento circolare e a spirale.
In ogni passaggio della nostra vita, infatti, integriamo quel che abbiamo sperimentato e lo portiamo avanti in forme sempre diverse.

E questo accade anche nei riguardi della nostra storia familiare.
Possiamo sentirci vittime di un passato spesso nascosto, oppure possiamo scegliere di svelare ombra e luce, sofferenze e qualità, talenti e visione che ogni storia familiare porta con sé, per essere artefici creativi e luminosi della nostra vita.

Attivare energie di guarigione per noi stessi significa portare guarigione e pace anche ai nostri antenati e ai nostri discendenti.

Come dice J.-F Berry in ‘Le Chant de la Résonance’
(ed Bérangel, p. 50, traduzione mia):
“Se il conflitto creatore è la vera alchimia
di una trasformazione personale, che permette al nostro sguardo di cambiare il piombo della fatalità nell’oro della creatività,
allora è essenziale cogliere la potenza dei simboli
per imparare a navigare attraverso le acque delle crisi e del malessere”.

Ognuno di noi ha una missione, un compito.
Aprirci con fiducia alla Saggezza degli Astri
è una via luminosa per connetterci con ciò che siamo davvero
e per risuonare con l’energia creativa del Cosmo.

Le nostre radici sono immerse
nella Luce e nella Gioia,
se siamo consapevoli del nostro passato
e guardiamo ai nostri Antenati
con Gentilezza Amorevole.

Astrologia, guarigione dell’Anima

Astrologia è da sempre legata alla guarigione dell’Anima.

Ippocrate ad esempio consigliava di fare una lettura del tema natale a chi presentava un disagio fisico, proprio perché nel linguaggio simbolico degli Astri l’essere umano è colto nella sua interezza e nella sua relazione con il Cosmo.

Si tratta quindi di un’arte sciamanica perché attiva una guarigione profonda. Nel riconnettere la nostra Anima al Cosmo, l’Astrologia ne svela il progetto originario e quindi la causa di ciò che consideriamo ‘malattia’: l’aver perso la connessione con il cammino scelto al momento dell’incarnazione.

Lo sciamano riattiva le forze di guarigione in chi manifesta disagio fisico e psichico, utilizzando gli Astri, il suono, la danza, le erbe, il cibo, considerando ‘corpo~mente’ un’unica realtà che si rispecchia nelle Stelle e nel loro linguaggio simbolico.

Siamo sempre più sconnessi: da noi stessi, dalle persone che ci circondano e, soprattutto, dai ritmi naturali e cosmici, che sono i nostri stessi ritmi.

Come scrive Carl G. Jung:
“Al progredire della conoscenza scientifica, il mondo si è disumanizzato. L’essere umano si sente isolato nel Cosmo, poiché non è più connesso con la natura e ha perso la sua partecipazione affettiva istintiva con i suoi fenomeni.
E i fenomeni naturali hanno lentamente perso le loro implicazioni simboliche. Il tuono non è più la voce infuriata del dio, né il fulmine è la sua arma vendicativa. Il fiume non ospita più gli spiriti, l’albero non è più il principio di vita di un uomo, e le grotte non sono più abitate dai demoni. Le pietre, le piante e gli animali non parlano più all’essere umano e l’essere umano non si accosta più a loro pensando di poter essere ascoltato.
Il contatto con la natura si è interrotto, e con esso è scomparsa l’energia di cuore profonda che generava le sue relazioni simboliche”.
(C.G. Jung, L’Homme et ses symboles, Laffont, p. 94 – trad. mia)

Viviamo in un paradiso perduto di
significato (presente), di lignaggio (passato),

di visione (futuro).

L’Astrologia ricrea la connessione perduta: ci riconnette al lignaggio familiare e karmico (il passato), svela con chiarezza cosa sta accadendo ora in noi e intorno a noi (il presente), ci apre a nuove consapevolezze, a nuove opportunità (il futuro).

Al momento della nascita nostra e di qualsiasi evento si manifesti sulla Terra la posizione dei pianeti nel Cielo rispecchia ciò che siamo: il nostro passato karmico e familiare, le nostre potenzialità e le nostre paure, il progetto della nostra anima, la nostra energia vitale, l’affettività, la nostra spiritualità, l’originalità insita in ognuno di noi.

In questo rispecchiamento, gli Astri ci aiutano a scoprire i nostri talenti e a manifestarli con più consapevolezza e fiducia; inoltre, ci aiuta a scegliere quali parti di noi coltivare e cosa è tempo di lasciar andare.

Questo significa che l’Astrologia ci permette di essere in connessione non solo con il progetto della nostra anima, ma anche con i nostri ritmi naturali, che sono quelli delle stagioni, dei movimenti della Luna e del Sole che interagiscono tra loro, dei pianeti che continuano a danzare in connessione al nostro tema di nascita.

Il tempo della Luna Nuova o della Luna Piena, Luna crescente o calante, Autunno o Primavera hanno valenze energetiche ben diverse, sia a livello cosmico sia dentro di noi.
Non esserne consapevoli, non essere in sintonia con questi ritmi, dentro e intorno a noi, crea un disagio profondo, che porta a uno squilibrio nel corpo, che manifesta un disagio dell’Anima, quel disagio che chiamiamo ‘malattia’.

Siamo connessi con i ritmi del Cosmo, che riflettono nel movimento dei pianeti il nostro continuo cambiamento interiore ed esteriore, anche se spesso non ne siamo consapevoli.

Allo stesso modo, in questa inter-connessione ognuno di noi è il frutto di una storia familiare connessa al nostro karma personale.
In termini simbolici infatti l’energia con la quale entriamo in questa vita corrisponde esattamente all’energia dominante che percepiamo nel nostro nucleo familiare.

L’Ascendente è connesso con il nostro venire al mondo fisico mentre il Fondo Cielo rappresenta la porta spirituale attraverso la quale entriamo in questa vita, ed è la stessa energia che colora la nostra esperienza del nucleo familiare, e quindi dell’albero genealogico al quale la nostra famiglia appartiene.

Accostiamoci quindi con rispetto alla Saggezza degli Astri e portiamo guarigione profonda alla nostra Anima.

Luna Piena attraverso lo Zodiaco

I ritmi lunari ci danno il senso della ciclicità della natura, nella continua relazione tra Sole e Luna, principio maschile e principio femminile.


Da un punto di vista astrologico, Luna Nuova significa che Sole e Luna sono nello stesso zodiacale e allo stesso grado. Luna Piena significa che Sole e Luna si sono allontanati fino a trovarsi nel segno opposto l’uno all’altra.


Questo ci ricorda che la natura non è mai duale, e che ogni aspetto racchiude anche il suo opposto.
Infatti Sole e Luna, primavera e autunno, maschile e femminile, conscio e inconscio, luce e ombra si rispecchiano l’un l’altra e ci ricordano la necessità di trovare un equilibrio tra energie diverse che vanno integrate.


Luna Piena
Sole in Ariete ~ Luna in Bilancia

Il Sole è nel segno dell’Ariete, che segna l’inizio della Primavera, mentre la Luna è nel segno opposto, la Bilancia, che segna l’inizio dell’Autunno.

L’Ariete è connesso al Dio Marte, il guerriero, l’energia della primavera che esplode, l’energia vitale potente e creativa che si afferma dopo l’inverno…. è l’affermazione di sé, la capacità di conquistare, il coraggio di difendere il proprio spazio e di mostrarsi al mondo… è l’Eroe che inizia il suo viaggio iniziatico alla scoperta di sé attraverso i 12 segni dello Zodiaco.

La Bilancia è connessa a Venere, Dea della Bellezza, dell’Equilibrio, dell’Amore e del piacere, della luce soffusa dell’Autunno… è l’incontro con l’Altro.

Marte e Venere oggi ci invitano a far dialogare il principio maschile dell’affermazione di sé e del coraggio con il principio femminile dell’affettività, dell’incontro con l’altro e del dialogo che nasce dall’ascolto… dalla loro unione è nata Armonia, figlia del coraggio e dell’equilibrio…e di queste due energie c’è così bisogno ora dentro di noi e intorno a noi!


Luna Piena
Sole in Toro ~ Luna in Scorpione

Sole e Luna, primavera e autunno, maschile e femminile si rispecchiano l’un l’altra e ci ricordano la necessità di trovare un equilibrio tra energie diverse che vanno integrate.

Il Sole è nel segno del Toro, segno centrale della primavera, mentre la Luna è piena nel segno opposto, lo Scorpione, segno centrale dell’Autunno.
Il Toro è connesso a Demetra che incarna lo splendore della primavera: è l’energia vitale che si manifesta e prende forma… è il nutrire, il piacere dei sensi, il dare valore alle cose, il riconoscere i nostri talenti, l’attaccamento.
Lo Scorpione è connesso a Plutone, Divinità degli Inferi, custode del tesoro sepolto nell’oscurità della Terra, divinità che che non mostra mai il suo volto agli umani… incarna le forze dell’inconscio, la potenza della trasformazione e della morte, il lutto, la capacità di accettare che tutto finisce e si trasforma, il lasciare andare.

Dare valore al qui e ora, saper fluire con la vita e riconoscere quando una situazione è finita e lasciarla andare…. queste le energie incarnate dal Toro e dallo Scorpione che chiedono di essere riconosciute e integrate dentro di noi.

Secondo la tradizione il Buddha è nato nel segno del Toro, e la sua Illuminazione viene celebrata proprio nel giorno del Wesak, la Luna Piena di maggio. Questo ci ricorda come la via dell’Illuminazione passi attraverso il dare valore al qui e ora, e attraverso il manifestarsi delle nostre qualità positive, integrate con il non attaccamento e il saper fluire con le energie della trasformazione.


Luna Piena
Sole in Gemelli ~ Luna in Sagittario

La Luna piena si forma nel segno del Sagittario, mentre il Sole è nel segno dei Gemelli.

I Gemelli sono connessi a Mercurio, il Messaggero degli Dei, l’Androgino adolescente in continuo movimento tra Cielo, Terra e Inferi… rappresenta la curiosità, il desiderio di conoscere, di esplorare i mondi, di scambiare informazioni, di scrivere e comunicare.
E’ la nostra mente che esplora, conosce, comunica.
Il Sagittario è connesso a Giove, il più importante tra gli Dei, il principio etico e religioso che unifica, che dà sicurezza e stabilità, che indica la meta, che governa con saggezza e lungimiranza… rappresenta la nostra capacità di dare un senso, una direzione, un obiettivo alla nostra vita.
È la fede e la saggezza che si incarna nel mondo… è la freccia del centauro puntata verso il Cielo.

Il messaggio di questa Luna Piena può essere racchiuso in questo: la necessità di integrare la nostra capacità di conoscere ed esplorare il mondo con la visione, cogliendo il principio unificatore che dà un senso alla molteplicità delle forme del reale.
E’ il momento di entrare in contatto con la nostra Intelligenza ispirata e di viverla nel mondo e nelle nostre relazioni.


Luna Piena
Sole in Cancro ~ Luna in Capricorno

La Luna Piena si forma nel segno del Capricorno, mentre il Sole è nel segno del Cancro.
La Luna, il principio femminile, si trova nel segno del Capricorno, connesso a Saturno, che incarna l’autorità maschile, la tradizione… mentre il Sole, il principio maschile, si trova nel Cancro, segno lunare e femminile per eccellenza.
E’ proprio durante questa Luna Piena che siamo quindi sollecitati in modo potente a integrare il principio femminile con quello maschile, la Madre con il Padre.
Questa Luna Piena tocca l’essenza della nostra esperienza connessa alla famiglia, al padre e alla madre come archetipi e come figure reali incontrate nella nostra infanzia, al nostro passato karmico, ai talenti di cura e responsabilità che possiamo sviluppare in questa vita.

Luna e Sole, Cancro e Capricorno ci ricordano di accogliere con gentilezza la bambina o il bambino che siamo stati e trovare la via per sviluppare i nostri talenti nel mondo… dal rapporto simbiotico con la madre e il passato alla realizzazione nel mondo.


Luna Piena
Sole in Leone ~ Luna in Aquario

Il Leone è connesso al Sole, il principio radiante del giorno, caldo e generoso, che chiede di potersi mostrare al mondo attraverso il riconoscimento delle nostre qualità.
E’ l’ego che si esprime attraverso la creatività, la giocosità, il piacere dell’essere al mondo e di sperimentarlo in ogni sua forma.
L’ombra del Leone è la mancanza del limite e l’arroganza dell’ego che non comprende di essere parte di una comunità.

L’Aquario è connesso a Urano, antica divinità del Cielo che rende fertile Gea, la Madre Terra, e con lei genera esseri che imprigiona sottoterra perché non corrispondono alle sue aspettative.
Urano nella nostra vita si manifesta attraverso l’intuito, il lampo di genio o l’evento improvviso che cambia il corso della nostra vita e ci apre a una realtà nuova.
Rappresenta l’essere parte creativa e unica di una comunità, la chiarezza della mente, la capacità di proiettarci nel futuro e di dare forma alla verità, dentro e fuori di noi.

Il nostro cammino è una continua ricerca della nostra verità, dei nostri talenti, della nostra forza… e sono doni che una volta svelati, possiamo condividere con gioia con chi ci sta intorno e con l’intera comunità degli esseri viventi.


Luna Piena
Sole in Vergine ~ Luna in Pesci

Il Sole nel segno della Vergine ci riporta all’energia della Terra, dei ritmi naturali, della connessione tra corpo, mente e cuore… è l’energia di Vesta, la sacerdotessa che custodisce il fuoco sacro nel tempio, simbolo del nostro fuoco interiore che va alimentato e nutrito.

La Luna è piena nel segno dei Pesci, connesso a Nettuno, Divinità delle profondità marine… è il regno dell’indistinto, dei contorni non definiti, di una realtà che va oltre i sensi e la materia.
E’ il regno della preghiera, del misticismo, della compassione e della saggezza

La Luna Piena Vergine-Pesci ci invita a ri-trovare e coltivare il nostro centro, a riconoscere con umiltà i nostri bisogni, a creare uno spazio di rigenerazione nel rispetto di noi stessi, del nostro corpo e delle sue memorie.
Solo così, centrati e connessi al nostro fuoco e alla nostra verità, potremo andare verso l’altro con Saggezza, Compassione e desiderio di aiutare gli Esseri.

Il ciclo iniziato il 21 Marzo
sotto il segno di Marte e dell’Ariete
si chiude sotto il segno dei Pesci.

L’essere ha compiuto il suo cammino attraverso le 12 energie,
e si trova ora nel Regno di Mezzo,
sulla Soglia tra la vita che sta finendo e quella che ancora deve iniziare,
nel Grande Mare dove tutto finisce e da cui tutto sorge.

____________________________________________
“Non desisteremo mai dall’esplorare
e fine di ogni nostro esplorare
sarà giungere là donde siamo partiti
e conoscere quel luogo per la prima volta”

T.S. Eliot, “I quattro quartetti”

Mercurio, il Messaggero Alato

Tra Cielo e Terra
Luogo di confine che ci permette di trovare 
radicamento sulla Terra e di connetterci al Cielo, 
scoprendo i nostri talenti e
individuando la via per esprimerli sulla Terra.

Tra Cielo e Terra
Luogo di confine che permette la Trasformazione, 
grazie alla consapevolezza di ciò che siamo 
e di ciò che possiamo diventare.In_viaggio

Tra Cielo e Terra
guidati dal Dio Mercurio,
Divinità leggiadra, libera,
capace di attraversare le soglie tra i Mondi.

Tra Cielo e Terra
guidati dal Dio Mercurio,

Divinità leggiadra e libera,
che attraversa le soglie tra i Mondi.

MERCURIO
il Messaggero degli Dei, simbolo della Trasformazione Alchemica.
Divinità che ci conduce attraverso zone di confine,
in un viaggio di continua metamorfosi.
L’Androgino adolescente in continuo movimento 
tra Cielo, Terra e Mondo Sotterraneo.

In ognuno di noi MERCURIO rappresenta
il desiderio di conoscere e di esplorare i mondi,
la possibilità di incarnare e mostrare al mondo
sempre nuove forme e nuovi aspetti di noi.

È la metamorfosi e la trasformazione, la curiosità,
il piacere della lettura e della scrittura,
di scambiare informazioni.

È la libertà nel movimento.

Questa energia è ben rappresentata
dal metallo Mercurio.
Inafferrabile, argenteo e cangiante come la Luna,
capace di prendere qualsiasi forma,
adattabile, flessibile, in continuo fluire,
libero da definizioni e costrizioni.

L’energia di Mercurio ci permette di entrare in contatto
con la parte più libera di noi stessi,
quella che racchiude la nostra Natura di infiniti talenti,
forme, potenzialità ed esperienze.

Mercurio nel suo continuo esplorare i Mondi,
dal Cielo alla Terra al Mondo Sotterraneo,
ci mostra la via per contattare questa libertà e viverla,
oltre i limiti.

Solo così l’energia vitale potrà prendere forma,
infinite forme, attraverso noi.

Danzare la Vita, Danzare lo Zodiaco

Ogni mese la Luna Nuova rappresenta il momento in cui 
Sole e Luna si incontrano nello stesso segno.
E’ il momento nel quale l’energia femminile della Luna e l’energia maschile del Sole risuonano insieme e 
mettono i semi che prendono poi forma con la Luna Piena.

La Luna Piena rappresenta il momento in cui 
Sole e Luna sono in due segni opposti.
E’ il momento nel quale
l’energia femminile della Luna e l’energia maschile del Sole 
sono uno davanti all’altra, con la stessa potenza e dignità 
e ci invitano a integrare dentro di noi
il maschile e il femminile, la luce e l’ombra, il giorno e la notte…

Sole e Luna danzano insieme attraverso i dodici segni, 
si incontrano in un segno (Luna Nuova), 
si allontanano (Luna Crescente), 
si fronteggiano nei due segni opposti (Luna Piena), 
si allontanano (Luna Calante), 
si avvicinano e si incontrano di nuovo 
nel segno successivo (Luna Nuova).

Nel loro incessante movimento Sole e Luna 
riflettono l’essenza della realtà:
la Vita inizia, si manifesta in tutta la sua potenza, e poi dissolve…
per rinascere ancora una volta.

… è la Danza della Vita, è la Danza dello Zodiaco…